Menu

Tenuto da Monica Gianfreda

Cos’è il teatro?

Il teatro è un insieme di differenti discipline, che si uniscono e concretizzano nell’esecuzione di un evento spettacolare dal vivo.

La parola deriva dal greco (théatron, che significa “spettacolo”), dal verbo théaomai, ossia “vedo”, comprende le arti tramite cui viene rappresentata, sotto forma di testo recitato o drammatizzazione scenica, una storia (un dramma, parola derivante dal verbo greco drao = agisco). Una rappresentazione teatrale si svolge davanti ad un pubblico utilizzando una combinazione variabile di parola, gestualità, musica, danza, vocalità, suona e, potenzialmente, ogni altro elemento proveniente dalle altre arti performative.

La particolare arte del rappresentare una storia tramite un testo o azioni sceniche è la recitazione, o arte drammatica. In molte lingue come il francese(jouer), l’inglese (to play), il russo (играть – pron. igra’t), il tedesco (spielen), l’ungherese (játszik) il verbo “recitare” coincide col verbo “giocare”. Il termine italiano, invece, pone l’accento sulla finzione, sulla ripetizione del gesto o della parola (“citare due volte”).

A chi è rivolto il corso di Teatro?

Il corso di teatro è rivolto a un target dai 18 anni in su che si avvicina per la prima volta al mondo del teatro. Durante l’anno di corso di teatro, si lavorerà sulle tecniche di base del lavoro dell’attore e sullo sviluppo delle potenzialità espressive e creative del corpo e della voce.

L’arte è un ponte. Un ponte tra noi e gli altri, tra noi e il mondo. 
Quando creiamo si stabiliscono nuove connessioni, che ci permettono di scoprire nuove potenzialità. Il teatro quindi come via per attivare un più profondo ascolto interiore, necessario per iniziare qualsiasi percorso artistico. Gli strumenti per intraprendere questo viaggio saranno strumenti squisitamente teatrali, che ci faranno indagare le possibilità che il nostro corpo ha  di trasformarsi e scivolare in nuove forme a volte inaspettate.

Obiettivi del corsi di Teatro

Esercizi di rilassamento, fiducia, concentrazione, silenzio e ascolto, attenzione, azione, reazione, esplorazione del movimento in relazione a sé, all’altro e allo spazio, ormai tappe riconosciute necessarie per qualsiasi percorso attorale, saranno sperimentate in un percorso che è prima di tutto su “se stessi” (Stanislavskij), per arrivare poi a una cosciente attività interpretativa ma soprattutto a una forte consapevolezza del proprio esistere nello spazio.

Quando, Dove e Quanto Costa?

Il corso è proposto in 15 lezioni di 1 ora e 30 minuti il venerdì sera dalle 21:00 alle 22:30, si terrà presso la sede di Percorsi in Via F.lli Cairoli 31 a Seregno, ed ha un costo di 210 euro.

 

Nota: la decisione di portare in scena prova aperta a fine anno sarà condivisa con il gruppo


Cerca